Salta il contenuto
Momendol e Lasonil: quali sono le differenze?

Momendol e Lasonil: quali sono le differenze?

Esistono diverse tipologie di dolore, di varia origine e natura, che con maggiore o minore frequenza, tutti ci troviamo ad affrontare nel corso della nostra vita di tutti i giorni: dolori mestruali, mal di testa, mal di denti, dolori muscolari ed articolari. Si ricorre spesso, in questi casi, all’ utilizzo di antinfiammatori, come il naprossene, principio attivo di Momendol e di Lasonil antinfiammatorio e antireumatico.

Vediamo insieme le differenze…

Cos’è il naprossene?

Il naprossene è un farmaco non steroideo (FANS) con attività analgesica, antinfiammatoria e antipiretica.

Come agisce? 

Il naprossene inibisce la sintesi e il rilascio di prostaglandine che hanno diverse proprietà e un ruolo importante nei processi infiammatori e del dolore. Il Naprossene è utilizzato nella terapia del dolore collegato alla borsite, alla tendinite, all’artrite provocata dalla gotta e ad altre tipologie di sindromi dolorose, compresi i dolori mestruali. Inoltre può essere utilizzato per le malattie da raffreddamento. Il naprossene viene assorbito dal tratto gastrointestinale in seguito a somministrazione orale e può avere una durata d'azione fino a 12 ore.

Lasonil quando assumerlo?

Il principio attivo del Lasonil è il naprossene sodico. Una compressa rivestita con film contiene 220 mg di naprossene sodico (equivalenti a 200 mg di naprossene). Lasonil antinfiammatorio e antireumatico si presenta sotto forma di compresse rivestite con film, in confezioni da 10, 12, 20 o 24 compresse. Si usa per il trattamento sintomatico di mal di testa, mal di schiena, dolori articolari e muscolari, mal di denti e malattie da raffreddamento. È inoltre indicato contro i dolori mestruali e i dolori di minore entità nell’artrite.

Qual è la posologia?

  • Trattamento sintomatico del dolore: 1 compressa ogni 8-12 ore, per non più di 7 giorni
  • Malattie da raffreddamento: 1 compressa ogni 8-12 ore, per non più di 3 giorni

È possibile che si abbia maggiore beneficio iniziando con 2 compresse seguite da 1 compressa ogni 12 ore, secondo necessità. La dose massima giornaliera è di 3 compresse.

Momendol quando assumerlo?

Momendol è un farmaco a base di naprossene appartenente alla classe dei FANS, medicinali che combattono dolore e infiammazione. È disponibile sotto forma di compresse rivestite o capsule molli, e come gel.

MOMENDOL compresse e capsule molli sono indicati per il trattamento sintomatico di breve durata di disturbi quali:

  • dolore muscolare e articolare (ad esempio mal di schiena, torcicollo);
  • mal di testa
  • mal di denti
  • dolore mestruali

MOMENDOL compresse e capsule molli sono indicati anche nel trattamento della febbre. Ogni capsula e compressa di momendol contiene 220 mg di naprossene sodico corrispondenti a 200 mg di naprossene. MOMENDOL gel: Il principio attivo è naprossene a una concentrazione del 10% (1 g di prodotto contiene 100 mg di naprossene); è indicato per il trattamento locale dei dolori muscolari e articolari.

Che differenza c’è tra Lasonil e Momendol?

Entrambi hanno come principio attivo, il naprossene sodico 220 mg (pari a 200 mg di naprossene): mentre il lasonil come forma farmaceutica, è disponibile solo sottoforma di compresse rivestite, il momendol è disponibile come compresse rivestite e capsule molli. Inoltre, è disponibile per il momendol anche una formulazione topica, sotto forma di gel. Qual è la differenza delle capsule molli, rispetto alle compresse Una volta ingerite, le capsule molli si dissolvono rapidamente rilasciando nel corpo il principio attivo presente al loro interno. Inoltre, alcuni pazienti preferiscono le capsule molli rispetto ad altre formulazioni per via orale, perché sono più facili da assumere ed evitano i fastidi associati alla deglutizione.

Il naprossene va assunto a stomaco pieno o vuoto?

Il naprossene, così come i principi attivi appartenenti al gruppo dei FANS, possono avere un'azione gastrolesiva più o meno accentuata. Questo è il motivo per cui, solitamente, è consigliabile assumere questi farmaci a stomaco pieno.

E nei bambini?

La sicurezza e l’efficacia nei bambini al di sotto dei 16 anni non sono state ancora stabilite, quindi è controindicato nei bambini al di sotto dei 12 anni.  

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso