Salta il contenuto
Actigrip e Actifed: quali sono le differenze

Actigrip e Actifed: quali sono le differenze

Entrambi sono farmaci ampiamente utilizzati per alleviare sintomi come il naso chiuso, il mal di testa e la febbre. Actifed e Actigrip sono formulati con ingredienti attivi che aiutano a ridurre l’infiammazione e a decongestionare le vie respiratorie, offrendo un sollievo rapido e duraturo ai sintomi.

QUAL È LA DIFFERENZA SOSTANZIALE TRA I DUE FARMACI?

ACIGRIP a differenza di ACTIFED contiene anche il PARACETAMOLO!

Scopriamoli insieme.

 

ACTIGRIP

Actigrip Compresse grazie alla combinazione dei suoi 3 principi attivi con azione antipiretica e antidolorifica, decongestionante e antistaminica riesce a combattere fino a 8 sintomi dell’influenza.

QUALI SONO I PRINCIPI ATTIVI?

Una compressa di Actigrip contiene:

-Paracetamolo (500 mg): Il paracetamolo fornisce al farmaco un’azione di carattere antipiretico ed è dunque in grado di ridurre la febbre, nonché un’azione di carattere analgesico, limitando la comparsa dei tipici dolori come mal di testa, mal di gola e dolori articolari.

-Pseudoefedrina cloridrato (60 mg): La pseudoefedrina cloridrato è un agente simpaticomimetico che agisce come decongestionante nasale. Allevia la congestione nasale riducendo il gonfiore delle membrane nasali e facilitando la respirazione.

-Triprolidina (25mg): La triprolidina è un antistaminico che libera le basse vie respiratorie .  Aiuta a ridurre gli starnuti e libera dal naso che cola.

 

COME E QUANDO SI ASSUME?

Actigrip Compresse è indicato per gli adulti e gli adolescenti con più di 12 anni: una compressa 2-3 volte al giorno.

Adulti: per un massimo di 5 giorni di terapia; Ragazzi (con più di 12 anni, fino a 18 anni di età): per un massimo di 3 giorni di terapia; Anziani: è raccomandato attenersi al dosaggio minimo

Assumere le compresse per bocca con un bicchiere d’acqua. L’assunzione del farmaco deve avvenire a stomaco pieno.

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI?

Actigrip è un farmaco che può causare fenomeni quali sonnolenza, vertigini e astenia. In casi relativamente comuni può causare inoltre eruzioni di carattere cutaneo, in conseguenza ad una risposta allergica.

Sono relativamente frequenti episodi di: ispessimento delle secrezioni bronchiali, ritenzione urinaria, nausea, vomito, diarrea.

 

ACTIFED

È un Antistaminico e un decongestionante nasale, grazie ai suoi principi attivi aiuta a decongestionare il naso chiuso, un problema comune e spesso molto fastidioso.

QUALI SONO I PRINCIPI ATTIVI?

 -triprolidina cloridrato(2,5mg) : funge da antistaminico, e aiuta a bloccare il naso che cola, la lacrimazione e gli starnuti.

 -pseudoefedrina cloridrato(60mg): La pseudoefedrina cloridrato agisce invece liberando il naso chiuso (decongestionante nasale) ed è un agente simpaticomimetico, e cioè simula gli effetti della stimolazione del sistema nervoso simpatico sui tessuti. Può alleviare la congestione nasale riducendo il gonfiore delle membrane nasali e facilitando la respirazione.

 

PER QUANTO TEMPO VA PRESO? E COME SI ASSUME?

Adulti e ragazzi al di sopra dei 12 anni: una compressa 2-3 volte al giorno.

Non superare le dosi consigliate e non assumere il farmaco per più di 7 giorni consecutivi

 

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI?

ACTIFED può causare soprattutto sonnolenza,  asteniavertigini, eruzioni cutanee su base allergicafotosensibilizzazione, secchezza della fauci, ritenzione urinaria, ispessimento delle secrezioni bronchiali, disturbi gastroenterici come nauseavomito e diarrea, eventualmente riducibili somministrando il prodotto dopo i pasti, eccitazione del Sistema Nervoso Centrale, specie nei bambini, accompagnate da insonniaeuforia e tremori.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Le Regole d'Oro della Fotoprotezione
Articolo successivo Aspirina C e Vivin C differenze e similitudini

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso