Salta il contenuto
Allergie Oculari: Iridina antistaminico o Fexactiv collirio?

Allergie Oculari: Iridina antistaminico o Fexactiv collirio?

È tempo di primavera e non possiamo non parlare di due dei prodotti più utilizzati in caso di allergie oculari.  

Iridina Antistaminico cos’è e quando è indicato? 

Iridina® Antistaminico è un collirio decongestionante della mucosa oculare ed antiallergico.  È un medicinale indicato per gli stati allergici ed infiammatori della congiuntiva accompagnati da ipersensibilità alla luce (fotofobia), lacrimazione, sensazione di corpi estranei, a base di tonzilamina cloridrato e nafazolina nitrato. 

La tonzilamina cloridrato è un farmaco ad attività antistaminica, ma anche con una evidente attività anticolinergica, utilizzato per il controllo del prurito, in particolare in preparazioni topiche oculari. 

La nafazolina nitrato è un principio attivo ad azione vasocostrittrice impiegato in terapia come decongestionante delle mucose nasale e oculare.

Come utilizzare il collirio Iridina Antistaminico? 

La dose raccomandata è 1-2 gocce, fino a 2-3 volte al giorno, secondo necessità.  Non superare le dosi giornaliere indicate senza il consiglio del medico.  Durante la gravidanza e l’allattamento si usi Iridina Antistaminico® solo in caso di effettiva necessità e solo dopo aver consultato il medico. Non utilizzare nei bambini con età inferiore ai 12 anni.  

Come applicare il collirio Iridina Antistaminico? 

Come svitata la capsula il flaconcino è pronto per l’uso. Portarlo capovolto sopra l’occhio: premerlo con il pollice e l’indice. Si avrà la fuoriuscita delle gocce. Dopo l’uso riavvitare la capsula.  Il periodo di validità dopo prima apertura del flacone è di 28 giorni 

Fexactiv collirio cos’è e quando è indicato? 

Fexactiv Collirio è un farmaco di automedicazione indicato negli adulti e nei bambini a partire dai 12 anni per il trattamento dei sintomi delle allergie e delle infiammazioni della membrana dell’occhio (congiuntiva), accompagnate da ipersensibilità alla luce (fotofobia), lacrimazione, sensazione di corpo estraneo, dolore. 

In particolare, può essere usato al bisogno per il trattamento della congiuntivite allergica, sia in caso di allergia stagionale, tipicamente dovuta ai pollini, sia in caso di allergie non primaverili causate da allergeni presenti tutto l’anno, come ad esempio acari della polvere, muffe, peli di animali.  In particolare, contiene i principi attivi feniramina maleato e tetrizolina cloridrato.  

Feniramina maleato appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati “antistaminici” e agisce contrastando i sintomi dell’allergia.

Tetrizolina cloridrato appartiene ad un gruppo di medicinali chiamati “decongestionanti” e agisce riducendo la dilatazione dei vasi del sangue. 

Come utilizzare il Fexactiv collirio? 

La dose raccomandata è 1-2 gocce, fino a 2-3 volte al giorno, secondo necessità  Non utilizzare per più di 4 giorni consecutivi, salvo diversa prescrizione medica, stante la possibilità che possano verificarsi in caso contrario effetti indesiderati. Se i sintomi persistono o si aggravano consulti il medico. 

Come applicare il collirio Iridina Antistaminico?  

Per aprire, premere la capsula di chiusura e contemporaneamente svitare. Versare le gocce nell’occhio interessato. Dopo l’uso richiudere avvitando a fondo.  

Quali sono le similitudini e differenze? 

Avendo analizzato in dettaglio le due composizioni possiamo chiaramente mettere in luce la presenza di differenti principi attivi ma similari nel meccanismo d’azione e classe terapeutica particolarmente utili in caso di stati allergici ed infiammatori della congiuntiva accompagnati da ipersensibilità alla luce (fotofobia), lacrimazione, sensazione di corpi estranei.   

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso