Salta il contenuto
Caldo o Freddo: ad ogni trauma il suo rimedio

Caldo o Freddo: ad ogni trauma il suo rimedio

Ad ogni trauma il suo rimedio: quando è meglio utilizzare il ghiaccio e quando invece è più giusto ricorrere alla borsa dell'acqua calda? Piccoli infortuni domestici, lesioni da sport, traumi articolari di varia natura: rivolgersi al proprio medico, o a una struttura di primo soccorso, è sempre indispensabile per non sottovalutare rischi, ma cosa fare nell’immediato? Il primo passo, ed anche il più semplice, è ricorrere all’applicazione locale di qualcosa di caldo o freddo, utile sia per alleviare il dolore che per limitare le complicanze del trauma.

Come scegliere il rimedio giusto?

Valutando il tipo di lesione e conoscendo gli effetti specifici del caldo e del freddo sul corpo. L’applicazione locale di calore permette di rilassare i tessuti e aumentarne l’elasticità, dilata i vasi sanguigni, aumentando così il flusso ematico e l’ossigenazione dei muscoli, facilita l’eliminazione dell’acido lattico. Il freddo ha l’effetto opposto: provoca la vasocostrizione, rallentando il flusso sanguigno ed ostacolando la formazione di ematomi e accumuli di liquido (con conseguente gonfiore) in corrispondenza della lesione; è anche un potente analgesico, perché agisce direttamente sui nervi impedendo o alleviando il dolore.

La regola generale, quindi, suggerisce di usare il caldo (impacchi, cerotti, cuscini o altri dispositivi riscaldati, ma anche una doccia o un bagno caldo, nei casi più lievi), in caso di:

  • crampi
  • spasmi
  • contratture o traumi che provocano tensione muscolare.

Il freddo (borsa del ghiaccio, cuscinetti in gel, ghiaccio sintetico o in spray) è utile, invece nel caso di:

  • distorsioni
  • contusioni
  • tendiniti ed altre infiammazioni locali
  • per alleviare il dolore dopo un intervento chirurgico.

Ma non solo: anche in caso di febbre alta (sopra i 41°), il medico può utilizzare la crioterapia per abbassare la temperatura corporea. Il freddo è utile per ridurre il dolore da infiammazione senza l’uso di farmaci e inoltre, uno dei vantaggi degli impacchi freddi è che li possono utilizzare tutti, anche le donne in gravidanza e  bambini.

Per quanto tempo è necessario?

Gli impacchi caldi devono essere applicati più volte al giorno, per circa 20 minuti ciascuna. È opportuno applicare gli impacchi freddiin cicli da circa 10 minuti ciascuno, entro 30 minuti dall’infortunio. Per quanto possa sembrare una procedura semplice e alla portata di tutti, l'uso di una fonte di freddo, va eseguita con criterio.

A parte la classica borsa del ghiaccio posta sulla zona colpita da infortunio, il più delle volte si tratta di una vera e propria terapia.

Ricorda di non appoggiare mai  il ghiaccio a contatto diretto sulla cute perché è proprio il contatto diretto a provocare la lesione dei tessuti.    

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso