Salta il contenuto
Che cos'è il magnesio? Scopriamo insieme le sue proprietà e i benefici.

Che cos'è il magnesio? Scopriamo insieme le sue proprietà e i benefici.

Il magnesio è un macroelemento, cioè uno dei minerali presenti nell'organismo in quantità più elevate. In genere in un adulto ne sono presenti tra i 20 e i 28 grammi, il 50-60% dei quali è concentrato nelle ossa, il 39% nei tessuti molli e solo l'1% nel sangue. È considerata normale una concentrazione di magnesio compresa tra 0,75 e 0,95 mmol/L.

 

Quali sono i benefici del magnesio?

Il magnesio partecipa a molte delle reazioni che avvengono nelle cellule. È il cofattore di più di 300 enzimi che controllano processi molto diversi fra loro, dalla sintesi delle proteine al funzionamento dei muscoli e dei nervi, fino al controllo della glicemia e della pressione sanguigna. È necessario per la produzione di energia e per i processi di fosforilazione ossidativa e di glicolisi, partecipa allo sviluppo strutturale dell'osso ed è richiesto per la sintesi del DNA, dell'RNA e del glutatione, un importante antiossidante. Inoltre partecipa al trasporto del calcio e del potassio attraverso le membrane cellulari, fondamentali per la trasmissione dell'impulso nervoso, la contrazione muscolare e il battito cardiaco.

Le proprietà e i benefici del magnesio: a cosa serve?


I sali di magnesio sono utilizzati da molto tempo come antiacidi e lassativi. L'Efsa (l'Autorità europea per la sicurezza alimentare) ha però riconosciuto a questo minerale anche altre proprietà e benefici. Il magnesio può contribuire alla normale funzione muscolare e alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Favorisce la regolare funzionalità del sistema nervoso, contribuisce a bilanciare il metabolismo energetico e svolge un ruolo importante nella divisione cellulare. Numerosi e recenti studi hanno evidenziato come quasi l'80% della popolazione occidentale soffra in qualche modo di una carenza di magnesio. Eppure, il magnesio è un minerale essenziale per molte funzioni dell'organismo, da quelle legate al sistema nervoso a quello muscolare e cardiaco, fino al metabolismo di vitamine e minerali. I sintomi di una carenza di magnesio sono:
  • irritabilità,
  • nervosismo o tensione,
  • sonno agitato,
  • stress,
  • fragilità ossea o carenza di calcio,
  • stitichezza,
  • spasmi, tremori e crampi muscolari,
  • irrigidimento e dolori muscolari,
  • difficoltà ad addormentarsi.

Tra le principali cause di questo diffuso deficit di magnesio c'è senz'altro una dieta scorretta, povera di tutti quegli alimenti che possono garantire la giusta quantità di questo minerale come spinaci, gamberetti, noci, tonno, broccoli e spinaci, farina. Oltre ad un'alimentazione poco equilibrata ciò che può provocare una carenza di magnesio è anche lo stress di una vita caotica e sregolata, l'ipertensione e l'eccessiva attività sportiva.

Negli integratori, così come in natura, il magnesio non si trova in forma libera, ma sempre combinato con altri elementi a formare svariati composti. Ad esempio, nelle rocce è abbondante il carbonato di magnesio, nel mare il cloruro di magnesio, e così via.

I diversi tipi di magnesio si possono suddividere in organici e inorganici, e quando scegliamo un integratore è importante sapere che il tipo di magnesio presente ne influenza le proprietà in diversi modi. Infatti, il magnesio può contribuire alla normale funzione muscolare e alla riduzione di stanchezza e affaticamento. Favorisce la regolare funzionalità del sistema nervoso, contribuisce a bilanciare il metabolismo energetico e svolge un ruolo importante nella divisione cellulare.

Hai mai provato Magnesio Superior, Magnesio pidolato, Magnesio B6?

Magnesio B6, come assumerlo?

2 capsule al giorno, meglio a stomaco vuoto, da bere con mezzo bicchiere d’acqua.

Magnesio Superior

Si consigliano 2 cucchiaini al giorno. Sciogliere in acqua calda 1 cucchiaino di magnesio (3 g). Prima di bere, attendere che l’effervescenza sia terminata e la soluzione sia limpida.

Magnesio pidolato 200 mg

Si consiglia l'assunzione di 1-2 bustine al giorno, preferibilmente alla sera. Sciogliere il contenuto di una bustina in un bicchiere d'acqua calda (circa 150 ml) e bere subito. Contengono la stessa tipologia di Magnesio? Ecco il link! Troverai le principali differenze  (https://www.massigen.it/linea/magnesio)  

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso