Salta il contenuto
Cos'è la Lattoferrina e perché è importante?

Cos'è la Lattoferrina e perché è importante?

La lattoferrina è una proteina appartenente al gruppo delle glicoproteine che svolge il compito di trasportare il ferro nel sangue. Si tratta di un composto presente in abbondanza nel latte, ma anche a livello di varie secrezioni e mucose, come saliva e lacrime, e nei granulociti neutrofili, cellule appartenenti al gruppo globuli bianchi, coinvolti nella modulazione della risposta immunitaria dell’organismo.

Qual è la sua azione?

In rapporto alla sua spiccata capacità di trasportare il ferro, la lattoferrina è in grado di sottrarlo al metabolismo dei microrganismi patogeni presenti nell’organismo, causandone la morte ed eliminandoli in tal modo dal sangue dell’ospite. La lattoferrina si comporta quindi da efficace ANTI-MICROBICA e ANTI-FUNGINEA. Per quanto concerne l’attività ANTI-VIRALE, la lattoferrina tende a legarsi con i glicosamminoglicani della membrana plasmatica, bloccando l’entrata dei virus e contribuendo a impedire l’insorgenza di processi infettivi.

Qual è il suo utilizzo?

Durante terapie a base di antibiotici, l’impiego di lattoferrina integratore si è rivelato particolarmente efficace per proteggere le mucose intestinali promuovendo la crescita del bioma comprendente Bifidibacterium e Lactobacillus. Infatti molti integratori a base di lattoferrina contengono solitamente anche FOS e prebiotici, che si attivano reciprocamente realizzando una potente sinergia funzionale.

Nel caso in cui ci sia necessità di fortificare il sistema immunitario la lattoferrina difende il corpo dai patogeni e ne inibisce la proliferazione, oltre al migliorare il monitoraggio delle risposte immunitarie di un ospite.  

Utile nei soggetti con anemia da carenza di ferro: la lattoferrina aiuta ad aumentare i livelli di emoglobina, globuli rossi e ferritina. L’attività immunoregolatrice, antinfettiva e antibatterica della lattoferrina è utile in particolare per bambini e neonati: particolarmente abbondante nel colostro, è infatti in grado di esplicare un’efficace azione protettiva nei confronti della mucosa intestinale del neonato che in tal modo viene difeso da eventuali infezioni microbiche.

E contro il SARS-Cov-2? Non esiste nessuna evidenza clinica che indichi l’utilità della lattoferrina nel prevenire o curare il Sars-Cov-2, ma può essere sicuramente utile agire in via preventiva e rafforzare le proprie difese immunitarie in un periodo infausto come quello invernale in attesa del vaccino e proteggersi dalla sindrome influenzale. I benefici dell’integrazione della Lattoferrina nello stile di vita sono dunque notevoli.

Qual è la dose consigliata?

La dose consigliata di Lattoferrina è circa 200 mg al giorno. Gli integratori a base di lattoferrina possono essere acquistati liberamente, anche se è sempre consigliabile chiedere consiglio al proprio medico oppure al farmacista prima di impostare un ciclo di terapia. Ecco alcune tipologie di integratori in commercio: Lattoferrina defence: Lattoferrina (200 mg), Zinco, Vitamina D3 Mosiac: Lattoferrina 200 mg

Lattoferrina bioattiva: Lattoferrina da latte bovino (200 mg), colostro da latte bovino titolato al 25% in IgG e al 4% in lattoferrina

Lattoferrina 200 Longlife: Lattoferrina (200 mg)  

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso