Salta il contenuto
Come si crea un vaccino? Sperimentazione e meccanismo di azione

Come si crea un vaccino? Sperimentazione e meccanismo di azione

Molti non sanno che per creare un vaccino bisogna seguire un iter preciso e che nonostante l’emergenza, in cui si cerca in tutti i modi di accorciare quanto più possibile i tempi, alcune fasi sono fondamentali. 

In primis bisogna conoscere a fondo il microrganismo che vogliamo combattere e bisogna sapere come questo interagisce con l’organismo umano. 

Una volta definito questo aspetto, il potenziale vaccino viene sottoposto alla sperimentazione pre-clinica che include studi in vitro e su modelli animali attraverso i quali si definiscono: 

  • il meccanismo d'azione (cioè la capacità di indurre la risposta immunitaria),  
  • il profilo tossicologico  
  • le prime evidenze di efficacia e sicurezza su un organismo vivente complesso. 

Dopo questa prima faseil vaccino entra nel percorso di sperimentazione clinica che può realizzarsi in quattro fasi: le prime tre precedono l’autorizzazione all’immissione in commercio e la quarta viene condotta quando il vaccino è già disponibile sul mercato. 

Le due fasi si susseguono e affinché il vaccino possa essere messo a disposizione della popolazione bisogna attendere un lasso di tempo che va da uno a dieci anni.  

COME AGISCE UN VACCINO? 

I vaccini agiscono andando a indurre la risposta immunitaria del paziente senza innescare i meccanismi che sono alla base dei segni e dei sintomi della malattia naturaleDunque, l’organismo sarà preparato e saprà rispondere alla presenza dei microrganismi in maniera efficacie evitando la comparsa degli effetti nocivi. 

Le cellule coinvolte nell’immunità acquisita sono quelle ad azione fagocitaria (macrofagi, cellule dendritiche) e dai linfociti che si distinguono in: 

  • Linfociti di tipo B che sono in grado di produrre gli anticorpi (immunità umorale)  
  • Linfociti T che sono in grado di intervenire direttamente o indirettamente sulle cellule infettate (immunità cellulo-mediata). 

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso