Salta il contenuto
Cellulite e Levotiroxina: tra chimica e falsi miti

Cellulite e Levotiroxina: tra chimica e falsi miti

La cellulite è uno dei tanti nemici femminili: questo inestetismo, infatti, colpisce ben 9 donne su 10. 

Tra le cause principali vi sono gli squilibri ormonali, i disturbi circolatori e la ritenzione idrica. Il tessuto adiposo subisce profonde modificazioni contemporaneamente ad un danno vascolare, ed è per questo che attualmente la cellulite, non è più considerato un semplice inestetismo della cute ma una vera e propria patologia.

I diversi stadi della cellulite sono legati alla gravità della patologia: partendo da un’alterazione del microcircolo linfatico – venoso, che porta ad una carenza di ossigeno nel tessuto, la sofferenza che si genera è legata ad una stasi circolatoria e all’accumulo di liquidi e cataboliti che rimangono intrappolati nell’interstizio cellulare.

I micro-noduli che si formano (buccia di arancia) nascono per la formazione di nuove fibre di collagene che legano gli adipociti fra di loro. Più aumentano i noduli, più aumenta il danno vascolare e la capacità di drenare i cataboliti cellulari. Tutto ciò porterà, con il tempo, alla fibrosi e alla sclerosi del tessuto.

Esiste uno specifico preparato farmaceutico per combattere questo inestetismo: la Levotiroxina. Per via orale la Levotiroxina è usata nelle disfunzioni tiroidee; se applicata sulle zone affette da cellulite, è attiva sulle disfunzioni nel derma e nell’ipoderma, senza assolutamente interferire con la funzione tiroidea.

Studi clinici hanno dimostrato che applicando un’emulsione a base di levotiroxina a livello cutaneo, un sistema di difesa la trasforma in una molecola inattiva a livello sistemico e tiroideo. Dunque l’ormone è trattenuto esclusivamente a livello cutaneo. Studi in vivo su cute lesa, hanno dimostrato che, anche in questo caso, un enzima presente sulla cute riesce a scindere un anello strutturale della levotiroxina rendendola inattiva. Questo sistema di blocco periferico rende assolutamente sicura l’applicazione di preparati a base di questa sostanza sulla cute sana.

Meccanismo d’azione della levotiroxina:

  • Attiva i processi di combustione dei grassi a livello adipocitario riducendo lo spessore del pannicolo adiposo e le dimensioni dei noduli sottocutanei.
  • Regolarizza l’eccessiva produzione di fibre di collagene che sclerotizzate, intrappolano gli adipociti responsabili dell’aspetto a “buccia di arancia”
  • Riduce la produzione di acido ialuronico che favorisce l’accumulo di liquidi interstiziali che provoca l’edema.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo successivo Focus Deodoranti e Antitraspiranti

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso