Salta il contenuto
Laila o Zzzquil: quale assumere per dormire meglio?

Laila o Zzzquil: quale assumere per dormire meglio?

Avere un sonno disturbato può determinare diverse conseguenze, più o meno impattanti sulla nostra qualità di vita e sull’efficienza con cui svolgiamo le attività quotidiane.   Importante è ricordare che persone diverse possono reagire diversamente alla privazione del sonno.  Le cause che possono essere alla base di un sonno disturbato, possono essere fattori oggettivi o cause soggettive. Anche l’assunzione di determinate sostanze stimolanti, come caffè, alcol o nicotina, o praticare attività tendenzialmente non rilassanti nelle 3-4 ore precedenti il coricamento possono disturbare il sonno notturno. 

Disturbi del sonno: quali sono le cause?

Tra le principali conseguenze di un sonno disturbato, sono da citare: l’astenia, cioè una significativa sensazione di stanchezza; i disturbi dell’attenzione, della concentrazione e della memoria, per gli adulti sul lavoro, per gli adolescenti nelle attività scolastiche; eccessiva sonnolenza diurna; disturbo dell’umore; ansia e facile irritabilità.  Molti di noi hanno provato o hanno sentito parlare almeno una volta del binomio sonno disturbato e stati di ansia. In alcuni casi, le due condizioni possono essere strettamente correlate tra di loro perché l’ansia si inserisce all’interno di un circolo vizioso tale per cui le due problematiche si alimentano a vicenda.  Laila e Zzzquil sono solo alcuni dei rimedi utilizzati per ansia e disturbi del sonno: vediamo insieme differenze e similitudini. Laila è un farmaco indicato per il sollievo dei sintomi d’ansia lieve e per favorire il sonno; è formulato in capsule molli. Laila contiene il Silexan®, principio attivo a base di olio essenziale di lavanda (Lavandula angustifolia Miller).  La posologia di Laila è di una capsula molle al giorno (corrispondente a 80 mg di olio essenziale di Lavanda) sia per gli adulti che per gli adolescenti di età superiore ai 12 anni.  Laila può essere assunto in qualunque momento della giornata, ingerendo la capsula intera con un bicchiere d’acqua.   ZzzQuil NATURA è un integratore alimentare naturale per il sonno, che aiuta ad addormentarsi in modo naturale e rapido grazie alla melatonina che contribuisce alla diminuzione del tempo necessario per addormentarsi e ad un mix di ingredienti naturali (camomilla, lavanda e valeriana) che favoriscono il rilassamento. Inoltre la sua dose elevata di vitamina B6 favorisce il normale metabolismo energetico!  Si consiglia l’utilizzo di 1 pastiglia di melatonina gommosa al giorno, da assumere 30 minuti prima di coricarsi. ZzzQuil NATURA è disponibile in due comodi formati da 30 o 60 pastiglie gommose. 

Quali sono le similitudini quindi tra Laila e Zzzquil?

Entrambi hanno in comune la presenza della lavanda.  La lavanda aiuta quindi a dormire?  Diversi studi hanno evidenziato che gli effetti principali della lavanda sono quelli di abbassare il livello di stress e calmare il nervosismo. Il suo olio essenziale agisce per promuovere uno stato di rilassamento generalizzato che aiuta di conseguenza a prendere sonno più facilmente. Possiamo quindi affermare che la lavanda sì…può anche aiutare a dormire! 

Quali sono le differenze?  

In Zzzquil Natura troviamo l’aggiunta di 1 mg di melatonina, un vero alleato per chi ha problemi di sonno. Riduce i tempi di addormentamento, mantiene un ciclo sonno-veglia equilibrato, regolarizza il sonno notturno e stabilizza il ritmo circadiano. Completa la formulazione l’aggiunta di valeriana (30 mg) e camomilla (10 mg): erbe officinali note per loro proprietà rilassanti. L’associazione tra melatonina e vitamina B6 aiuta a ridurre il senso di affaticamento: in particolare la vitamina B6 (1,4 mg) contribuisce al normale metabolismo energetico e permette di combattere la stanchezza e l'affaticamento, aiutando il nostro corpo a mantenere la giusta energia durante il giorno.

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Aspirina e Nurofen
Articolo successivo Capsule e Compresse: Divisione e Triturazione

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso