Salta il contenuto
Lingua Bianca: Cause e Rimedi

Lingua Bianca: Cause e Rimedi

Perché la lingua diventa bianca?

Una lingua coperta da un patina bianca, una sensazione di bocca impastata e un sapore fuori dal normale possono essere dei segnali di allarme del nostro organismo.  Per “lingua bianca” si intende una condizione dove la lingua si ricopre di una patina biancastra o cambia di colore assumendo una colorazione più pallida del normale ed è spesso il segno di una colonizzazione fungina o batterica della sua superficie.  Le possibili cause della lingua bianca possono essere molteplici ma possiamo dire sicuramente che la maggior parte delle volte, il sintomo della lingua bianca è legato a patologie che sono transitorie e che sono legate all'apparato digerente e probabilmente anche alle abitudini alimentari 

Quali sono le possibili cause della lingua bianca? 

Le cause della lingua bianca possono essere:

disturbi gastrointestinalicattiva digestionereflusso gastroesofageostress, affaticamento stagionaledisidratazione, soprattutto in periodi caldi o mesi estivi, febbre 

Se la lingua bianca è associata ad altri sintomi come mal di testa, nausea e vertigini, stanchezza muscolare, stitichezza, poco appetito e digestione pesante potrebbe essere causa di un malfunzionamento di organi interni, come il fegato.

La lingua diventa bianca per via della crescita dei villi di cui è ricoperta la mucosa. Infatti, quando l’organismo è in uno stato di salute ottimale, i villi sono bassi e la lingua mantiene il suo colore rosa. Nel caso di un segnale di emergenza, invece, lanciato dall'organismo, questi vengono stimolati e crescono, provocando il cambiamento di colore della mucosa che attacca anche la gola. 

Lingua bianca e Candidosi orale 

Conosciuto anche come mughetto orale, è una condizione abbastanza frequente soprattutto in alcune fasce di età (è frequente soprattutto nei bambini e negli anziani): si tratta di una stomatite causata da un fungo, Candida Albicans, ed è caratterizzata dalla presenza di grandi macchie bianche sulla lingua. 

Tuttavia, vi sono altre cause scatenanti per la candidosi orale.   

Ad esempio un forte abbassamento delle difese immunitarie dovuto alla chemioterapia nei pazienti affetti da tumore, può essere all'origine di questa patologia. Anche altre malattie possono scatenare il proliferare di macchie bianche sulla lingua: pensiamo al diabete o a virus importanti come quello dell’HIV.  Un’altra causa frequente della comparsa di lingua bianca può essere dovuta alla presenza della cosiddetta leucoplachia.

In questa condizione patologica si ha lo sviluppo di una lesione che può colpire indistintamente la superficie della lingua piuttosto che un’altra zona. La lesione è spesso dovuta all’abuso di sostanze nocive per l’organismo quali fumo, alcool o droghe. Per guarire da questa condizione è necessario limitare al massimo o addirittura astenersi dall’uso di queste sostanze. 

Lingua bianca e cattiva digestione 

Come anticipato all’inizio dell’articolo, una lingua bianca può essere dovuto a dei problemi dell’apparato digerente molto spesso dovuti ad una dieta sbilanciata e troppo ricca.  Se, assieme alla lingua bianca, si manifestano anche dei sintomi come mal di stomaco, diarrea e nausea potrebbe trattarsi di gastrite. Ovviamente anche aver mangiato troppo pesante o cibi scaduti potrebbe comportare questi sintomi.  In ogni caso il nostro organismo ci sta mandando un messaggio cercando di liberarsi di un accumulo di tossine.  Integrare una dieta sana ed equilibrata è la migliore soluzione da attuare nell’immediato, se il problema dovesse persistere rivolgersi al proprio medico curante.

Alitosi e lingua bianca: c’è correlazione?

Spesso, si associa il problema dell’alitosi al problema della lingua bianca, ma in realtà non è cosi: la lingua bianca infatti non è causa di alito cattivo. Se pure è vero che la pulizia del cavo orale è determinante per la salute e il benessere dell’organismo e che durante la pulizia anche la lingua va detersa a fondo, la massiccia concentrazione di batteri si trova altrove come negli spazi tra dente e gengive. Per questo, la lingua non può essere la causa principale dell’alitosi che è inoltre generalmente prodotta più da problemi intestinali. 

Quali sono i rimedi per la lingua bianca?

I rimedi per curare la lingua bianca sono inevitabilmente legati al tipo di patologia che causa il problema. Solo conoscendo le cause che hanno prodotto il cambiamento del colore della lingua infatti potremmo trattare con successo questa noiosa problematica. 

Spesso una semplice supplementazione di vitamina A è sufficiente a regolarizzare la crescita dei villi linguali determinando in rapido tempo una ripresa del normale colorito rosato.  Quando però la condizione della lingua bianca è dovuta alla presenza di un patogeno orale, come nel caso del mughetto, sarà necessario ricorrere all’uso di farmaci antimicotici ed importante sarà rafforzare le difese immunitarie e proteggere la flora batterica attraverso l’assunzione dei probiotici.  

Assicuriamoci comunque di bere abbastanza: lingua bianca è infatti spesso dovuta alla disidratazione ed evitiamo l’uso di sostanze ricche di perossido di idrogeno (alcuni collutori e le strisce sbiancanti contengono infatti questa sostanza). Il perossido di idrogeno, che è la sostanza attiva contenuta nell’acqua ossigenata, tende infatti a far sbiancare la lingua.

Come rimuovere la patina bianca dalla lingua? 

Si può pulire la lingua strofinandola delicatamente con lo spazzolino da denti o utilizzando un puliscilingua con un pò di bicarbonato e eseguendo degli sciacqui 2 volte al giorno con un collutorio o con acqua e bicarbonato (un bicchiere di acqua tiepida e mezzo cucchiaino di bicarbonato sciolto).  

È chiaro che, in linea generale, una corretta igiene orale protegge la bocca dai batteri e dall’insorgere di patologie a carico del cavo orale: la pulizia orale deve essere accurata ed eliminare i batteri non solo dai denti ma anche dagli spazi tra dente e gengiva (con scovolino e filo interdentale) e dalla lingua. 

 

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

 

Articolo precedente Antistaminici: quali sono i principali farmaci da utilizzare? Come gestire i sintomi?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso
    • Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Le Regole d'Oro della Fotoprotezione

      Abbiamo già sottolineato l’importanza di una buona protezione solare e dell’esporsi al sole con prudenza, per evitare il rischio di creare danni a carico della pelle. In particolare la pelle del viso riceverebbe il 25% dell’irradiazione totale annua rispetto al...

      Leggi adesso