Salta il contenuto
Sistema Immunitario ed Esercizio Fisico

Sistema Immunitario ed Esercizio Fisico

L'esercizio fisico regolare di moderata entità secondo le linee guida dell' ACSM (American College of Sport Medicine) sembra “stimolare” il sistema immunitario, esercitando sull'organismo effetti di tipo protettivo.

L’intensità, la frequenza e la durata dell'allenamento agiscono come un “farmaco" e quindi vanno opportunamente “dosate” al fine di ottenere le risposte fisiologiche volute.

Il nostro approfondimento si è soffermato sullo studio degli effetti che l'esercizio fisico induce sulle popolazioni cellulari immuno-competenti, legate a quanto si osserva nel tessuto muscolare nelle fasi che intervengono durante e al termine del suo svolgimento.

A seconda della intensità e della durata del lavoro sostenuto, il muscolo mostra segni di lesione micro e ultrastrutturali a cui si accompagnano risposte relative all'intensità del danno.

Dopo 24/48 ore dal termine degli esercizi fisici intensi, il tessuto muscolare risulta dolente e turgido a causa di microtraumi miofibrillari che insorgono nei muscoli sottoposti a forte e prolungata sollecitazione meccanica.

E' proprio la presenza di questi microtraumi muscolari post-esercizio a indurre una reazione di tipo infiammatorio, coinvolgendo numerosi mediatori chimici che a livello locale attivano una vera e propria pulitura del tessuto leso e provvedono alla sua riparazione.

Dunque l'attività fisica moderata svolta nel corso della vita è in grado di esercitare effetti positivi sul sistema immunitario migliorando diversi parametri immunologici:

  • Numerosità delle sottopopolazioni linfocitarie
  • Aumento delle immunoglobuline sieriche
  • Aumento delle capacità di riconoscimento delle specie patogene
  • Aumento dell'attività fagocitarie dei macrofagi
  • Maggiore efficacia dei vaccini influenzali
  • Al contrario, numerosi studi hanno evidenziato una stretta associazione tra inattività fisica e fenomeni infiammatori che vanno aumentando nel corso dell'invecchiamento

 

Hai bisogno di alcuni chiarimenti? Raccontaci la tua esperienza nei commenti o scrivendo a info@chiediloalfarmacista.it 

Vuoi ricevere gli articoli del nostro blog in anteprima direttamente sulla tua casella di posta elettronica? Clicca qui   

"L'utilizzo smodato e inconsapevole dei motori di ricerca nel vano tentativo di automedicarsi può avere effetti indesiderati, anche gravi. Ascolta attentamente il tuo medico e il tuo farmacista, non è nocivo!"

Articolo precedente Capsule e Compresse: Divisione e Triturazione
Articolo successivo Quali rimedi portare in vacanza?

Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di pubblicazione

* Campi obbligatori

Sezione Domande e Commenti

    1 out of ...

    Altri articoli dal nostro Blog

    • Prurito anale: cause e trattamenti

      Prurito anale: cause e trattamenti

      Che cos'è il prurito anale?  Il prurito anale è una condizione caratterizzata dalla presenza di una sensazione di pizzicore circoscritta all’ano o all’area a questo immediatamente circostante.   Il prurito è caratterizzato dal bisogno, più o meno impellente, di grattarsi.   Diverse...

      Leggi adesso
    • DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      DCA: Disturbi del Comportamento Alimentare

      I disturbi del comportamento alimentare (DCA) sono un insieme di patologie caratterizzate da alterazioni nelle abitudini alimentari con particolare preoccupazione per il proprio peso corporeo e per le proprie forme.   Generalmente sono disturbi che insorgono in adolescenza con alcuni tratti...

      Leggi adesso